Stampa questa pagina
Lunedì, 10 Ottobre 2016 00:00

Israele nega ai lavoratori stranieri l'accesso alla giustizia

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sembrerebbe proprio il caso di dire che tutto il mondo è paese ma forse sarebbe meglio ricordarci che le dinamiche di sfruttamento che portano le potenze del mondo ad agire in modo riprovevole sono le stesse da molto tempo.

Parlo in questo caso specifico della nuova legge che regolamenterà l’accesso alla giustizia lavorativa per i lavoratori stranieri in Israele. Nello stato israeliano circa 170.000 stranieri lavorano in settori come quello dell’edilizia e dell’agricoltura, di cui circa 55.000 mila sono palestinesi (compresi, ovviamente, coloro che abitando in territori occupati sono considerati stranieri in casa loro). La nuova riforma promossa lo scorso agosto dal Ministro della Giustizia Ayelet Shaked prevede che gran parte dei lavoratori appena citati dovranno depositare una cauzione al momento della stipula del contratto per poi poter, eventualmente, citare in giudizio di fronte al giudice il proprio datore di lavoro.

Con questa nuova norma, lo stato di Israele viola (nuovamente) i più basilari principi di uguaglianza che prevedono la necessità di eguale trattamento per i lavoratori, a prescindere da quale che sia il loro paese di origine. E questo dovrebbe prevedere, ovviamente, anche uguali condizioni per l’accesso alla giustizia lavorativa. Nonostante la consapevolezza della violazione, il governo va avanti per questa strada nel tentativo di stroncare sul nascere una fantomatica “intifada legislativa” che vedrebbe questi lavoratori fare causa agli imprenditori israeliani per colpirne lo stato e l’economia.

La normativa, conosciuta come “regolamentazione della Valle del Giordano” pone diversi interrogativi anche da un punto di vista puramente procedurale. Non solo perché la legge è stata approvata in modo molto rapido, in assenza di qualsiasi dibattito, ma anche perché la legge israeliana prevedrebbe che la richiesta di cauzione al lavoratore può essere applicata solo in circostanze molto particolari. E dato che i molti precedenti mostrano come i tribunali del lavoro della Cisgiordania abbiano emesso sentenze spudoratamente ad esclusivo vantaggio degli imprenditori, ci troviamo di fronte ad un vero e proprio mescolamento della funzione giudiziaria con quella esecutiva e quella legislativa.

Un’altra umiliazione si aggiunge quindi alla lista di quelle subite da un popolo martoriato da decenni: l’umiliazione del non vedersi riconosciuto il diritto al lavoro e quindi di non vedersi riconoscere la possibilità di sopravvivere con dignità.

Ultima modifica il Domenica, 09 Ottobre 2016 19:14
Diletta Gasparo

"E ci spezziamo ancora le ossa per amore
un amore disperato per tutta questa farsa
insieme nel paese che sembra una scarpa"

Cit.

Ultimi da Diletta Gasparo

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti.